Sesso, storie horror, la luna e i falò

Le 5 cose da non fare per evitare di spegnere i bollori.
Lo dicono anche loro, i Thegiornalisti... "I treni frenano, le serie iniziano..." e voi horrorofile un po' nerd, sicuramente le conoscete tutte.
E se i brividi non ve li regala Netflix, potete comunque sollazzarvi con i classici horror estivi... ben 5 in uscita a partire dal 3 agosto.
Non vi basta però!
È beh, certo che no... perché dopo sussulti e tuffi al cuore occorre farsi riscaldare da qualcuno che sappia mettere le mani, e non solo, nei punti giusti.
E allora perché non rivisitare il classico story telling accanto a un falò, magari senza l'assassino che sbuca dalle fronde in stile B movie anni Ottanta?
Ottimo, ma mettiamo fin da subito alcuni paletti (rigorosamente di frassino), al fine di evitare i 5 clamorosi errori che renderanno il vostro caliente falò estivo, un cero mortuario.

1) PREMESSE FONDAMENTALI: le passioni si condividono, non si impongono. Se il vostro oggetto del desiderio (o i vostri... non stiamo mica a fare i bigotti che a volte fare numero è divertente) detesta i racconti dell'orrore, e si terrorizza guardando gatto Silvestro, trascinarlo su una spiaggia buia per raccontargli i peggiori incubi di King con una pila sotto la faccia non avrà nulla di eccitante, e potrete dire addio a quel glorioso alzabandiera tanto auspicato.

2) IN MEDIO STAT VIRTUS: la sensatezza ci vuole in tutte le cose... è molto romantica l'idea di cercare un luogo sperduto e nascosto, accendere un fuoco e starsene accoccolati a raccontarsi storie di paura... ma in piena sicurezza. Del tipo che se accendete una fiamma viva dev'essere in luoghi autorizzati e comunque poi spenta molto bene, oppure rischiate una multa salata quando va bene o di provocare incendi se va male (con tutte le conseguenze del caso). Troppa fatica? Invece del falò optate per una spiaggia illuminata dalle stelle, che poi per scaldarsi basta agitare un po' i fianchi.

3) QUESTIONE DI NUMERI: a meno che non siate fermamente intenzionati a provare il sesso di gruppo non unitevi a comitive numerose o, peggio ancora, non vi portate il terzo incomodo (tipo l'amica single, o il fratello). Se l'atmosfera dovesse scaldarsi sarebbe opportuno evitare di avere gente con attacchi di moralismo attorno, o peggio ancora ubriaca e ansiosissima di girare un video ad alta diffusione.

4) LA BREVITÀ È L'ANIMA DELLA BIANCHERIA INTIMA... E NON SOLO: ok che siete narratrici bravissime, ok che le storie dell'orrore sono il vostro pane, ok che come descrivete le situazioni voi nessuno mai... però se vi sta fissando le tette da dieci minuti sappiate che non ha sentito una sola parola di ciò che state raccontando... zitte e baciatelo!

5) GETTATE QUEL MINCHIA DI TELEFONO: non c'è nulla che sia in grado di deflagrare un'atmosfera spaventosamente sexy come una suoneria personalizzata abbinata al faccione deformato di mamma o dell'amica del cuore... anzi no, forse c'è di peggio... proporre un selfie... sono quelle robe che poi lui spera ci sia davvero il maniaco che esce dal bosco, che almeno ci dia un taglio!
Stabilire le regole, buona serata hot... pardon horror a tutte, sperando che gli incubi si trasformino in sogni erotici davvero scottanti.
(Valeria Munari)

Valeria Munari: nata a Reggio Emilia nel 1981, come ogni antieroe che si rispetti conduce una doppia vita. Di giorno avvocato e di notte lettrice e scrittrice di horror e cinefila d'assalto. Con questa rubrica coccolerà il lato più cruento e vendicativo del suo complicatissimo sé, narrando di ragazze cattive e tanto altro.

POTREBBE INTERESSARTI

» Tutte le notizie

RUBRICHE: arte | Audiolibri | Concorsi | Dracula | ebook | editori | Film | Film gratis | Fumetti | Guida alla scrittura | Halloween | Interviste | Isola di Scheletri | Letters from R'lyeh | libri | Necrolexicon | Notizie | partner | Pennywise | Racconti | Scream Queen | Segnalibri | Signora delle Mosche | Teschio d'oro | TV Horror | Videogiochi | Zio Tibia