Cambio d'abito

3° classificato al concorso "300 Parole Per Un Incubo", 2022 - edizione 21

Adoro le feste in maschera, e ancor di più amo il momento in cui davanti allo specchio, fedele compagno della mia narcisistica perversione, mi spoglio dei miei vecchi abiti e ne indosso di nuovi.
Per prima cosa mi sfilo i guanti: un lieve rumore di lacerazione ne accompagna la svestizione. Nulla di cui preoccuparsi; erano vecchi e forse troppo stretti.
Via anche il cappello e la buffa maschera col sorriso un po' cadente; si afflosciano a terra mollemente, come spiaccicati. Non è lo stesso spettacolo di schiantare al suolo un pomodoro, ma ci si avvicina parecchio.
È il turno del maglione, e quello personalmente lo detesto. Troppe volte il colletto si impiglia sotto la nuca e tocca pregare in cento lingue per uscirne interi. Roba da perderci la testa!
Le scarpe preferisco toglierle da seduto: basta un attimo e perdi l’equilibrio, finisci a terra e bum! Ti sei rotto tutte le ossa.
Questi pantaloni son davvero larghi e sgualciti. Basta un niente per strapparli in due parti uguali e sbarazzarsene come se nulla fosse.

Pubblicità

Chi ha paura delle streghe?
"Storie di Streghe" è un’antologia che vuole omaggiare la figura della Strega in tutte le sue sfaccettature, antiche e moderne. Tra leggende e folklore i 12 racconti che ne fanno parte sono i migliori tra quelli che hanno partecipato al Premio Scheletri 2022. Disponibile in ebook e cartaceo illustrato

Finalmente lo specchio mostra la mia bellezza integrale: il mio scheletro nudo, vecchio di mille anni e più, splende nella luce tenue delle candele sparse nella stanza.
Dopo un breve momento di auto compiacimento apro l’armadio e fisso i ganci a uncino che pendono dall’alto. Decine di corpi, freschi di scuoiatura, zampillano sangue contro le pareti del mobile.
Scelgo quello un po più grosso: ho deciso che a questa festa vestirò i panni dell’uomo in carne!
Ripeto il rituale al contrario e poco per volta vedo tibia, perone, rotula e femore ricoprirsi di carne molliccia e sanguinolenta.
Lascio sempre per ultimo il viso, su cui stampo il mio sorriso migliore.
Cambiarsi d’abito in fondo è un po' come mutar la pelle...

Alessandro Mazzi



CONSIGLI DI LETTURA

» Archivio notizie

RUBRICHE: arte | Audiolibri | Concorsi | Dracula | ebook | editori | Film | Film gratis | Fumetti | Guida alla scrittura | Halloween | Interviste | Isola di Scheletri | Letters from R'lyeh | libri | Necrolexicon | Notizie | partner | Pennywise | Racconti | Scream Queen | Segnalibri | Signora delle Mosche | Teschio d'oro | TV Horror | Videogiochi | Zio Tibia