Incubo

Racconto per il concorso "300 Parole Per Un Incubo", 2022 - edizione 21

Nebbia fitta. Silenzio assoluto. Solitudine.
Mi trovo in un vagone delle montagne russe. Il resto del luna park è scomparso, inghiottito dalla fittissima nebbia. A malapena sento il mio respiro. La sensazione di essere disperso nel nulla è fortissima.
La sbarra di sicurezza mi impedisce qualsiasi movimento.
Senza alcun preavviso, il carrello si muove con uno scatto secco che mi risuona nelle orecchie come uno sparo.
Il vagone comincia a salire. La rotaia si snoda sotto di me, sempre più su. Finalmente si ferma. Anche a quell’altezza non riesco a distinguere nulla nel mare di nebbia. Il senso di smarrimento e l’angoscia crescono. Vorrei gridare ma mi trattengo perché so istintivamente che nella nebbia c’è qualcosa di malvagio.
Il vagone si muove e dopo una brusca svolta a sinistra inizia una folle discesa. La velocià è incredibile. Fatico a respirare. Mi sento mancare.
Infine un cambio di pendenza. Ritrovo un po’ di fiato. Una curva. Un tratto di avvitamenti. Altre curve. Un dislivello verso il basso.

Pubblicità

Chi ha paura delle streghe?
"Storie di Streghe" è un’antologia che vuole omaggiare la figura della Strega in tutte le sue sfaccettature, antiche e moderne. Tra leggende e folklore i 12 racconti che ne fanno parte sono i migliori tra quelli che hanno partecipato al Premio Scheletri 2022. Disponibile in ebook e cartaceo illustrato

Finalmente il vagone si ferma dandomi la speranza che quel supplizio stia per finire.
Sono fermo. La nebbia continua a celare il resto del paesaggio. Al di sotto del carrello scorgo una distesa liquida, nera e minacciosa. Improvvisamente i miei sensi vengono travolti da un odore ripugnante: quello sotto di me è un mare di sangue e corpi in disfacimento.
Il fetore è insopportabile. I tetri miasmi mi stordiscono. Le narici sono annientate dagli odori di empie catacombe pervase dal lezzo della decomposizione.
La sbarra di sicurezza si apre. Il carrello si rovescia sul fianco e cado in quell’incubo liquido. Vorrei gridare, ma la bocca è piena di nauseabondo fluido denso.
So che resistere è inutile. Mi lascio andare e affondo in quel ripugnante abisso di sangue e putrefazione. Più giù, sempre più giù...

Stefano Sbaccanti

Nato a Roma, fin dalla più tenera età sono sempre stato affascinato da tutto ciò che ha attinenza col genere horror: film, fumetti, libri, musica, giochi e chi più ne ha più ne metta. Tra i tanti autori letti, HP Lovecraft è stata la classica folgorazione che è diventata una passione per la vita. Da qualche anno mi diletto a scrivere dei racconti brevi che – mi illudo – possano avere una qualche tinta lovecraftiana.
L’altra mia grande passione, anch’essa coltivata fin dall’adolescenza, è la fotografia. Il genere che prediligo è l’urbex perché mi permette di “indagare” sul rapporto tra uomo e natura, cogliendo con uno sguardo intimo e personale le relazioni spesso conflittuali tra le persone e il loro ecosistema. Guardare all’abbandono attraverso l’obiettivo fotografico è il mio modo di far scaturire la bellezza laddove i più non vedono altro che degrado e distruzione.



CONSIGLI DI LETTURA

» Archivio notizie

RUBRICHE: arte | Audiolibri | Concorsi | Dracula | ebook | editori | Film | Film gratis | Fumetti | Guida alla scrittura | Halloween | Interviste | Isola di Scheletri | Letters from R'lyeh | libri | Necrolexicon | Notizie | partner | Pennywise | Racconti | Scream Queen | Segnalibri | Signora delle Mosche | Teschio d'oro | TV Horror | Videogiochi | Zio Tibia