Clovis

Racconto per il concorso "300 Parole Per Un Incubo", 2021 - edizione 20

Chi fosse passato quella sera vicino alla fattoria dei Wise avrebbe sentito grida orribili e sarebbe scappato a gambe levate. Avrebbe fatto bene perché là dentro non c’erano solo due giovani, Paul e Hanna, che, approfittando dell’assenza dei genitori, avevano chiamato una coppia di amici, Frank e Jennifer, e pensavano di spassarsela nell’ampia soffitta.
Avevano sottratto ai genitori la chiave per poterla esplorare, vanificando il divieto. Ragnatele e polvere li accolsero; una lampadina illuminò tutta la soffitta.
Era piena di bauli. Contenevano libri antichi e dagli strani nomi. A mezzanotte, si scatenò un temporale. Fra i tuoni che scuotevano l’intera casa Jennifer decise di leggerne uno:
«O Tu che dimori nelle tenebre del Vuoto Esterno, Ti imploro!» Hanna le strappò di mano il libro e gridò:
«Non mi sembra il momento di rovinare questa festa! Guardate cosa ho trovato: Clovis!»
«E chi è Clovis?» domandò Frank.
«È il mio vecchio clavicembalo!»
«Clavi che?» fece Jennifer.
«Un antico pianoforte. Io e Paul lo suonavamo quando eravamo piccoli, poi mamma e papà lo sistemarono qui perché dicevano che lo trattavamo come fosse una persona!»
Scostarono un gatto di marmo dalla tastiera e iniziarono a suonare a quattro mani.
Il temporale era cessato. Paul e Hanna dissero che avrebbero lasciato quella casa per andare all’Università. Fu allora che il clavicembalo cominciò a suonare da solo una musica indiavolata. Poi lo strumento si precipitò contro Paul e Hanna, schiacciandoli a morte contro una parete.
Jennifer gridò:

Pubblicità

IL RITORNO DEI MORTI VIVENTI
E' disponibile il grande saggio illustrato dedicato a "Il Ritorno dei Morti dei Viventi", film cult di Dan O'Bannon del 1985. Oltre 180 pagine di curiosità, aneddoti, informazioni e interviste che soddisferanno anche i fan più esigenti. Compralo subito! Disponibile in formato cartaceo illustrato

«Il pianoforte non vuole essere abbandonato!»
«Ma che dici?» rispose Frank.
Furono le ultime parole che pronunciò: il clavicembalo li spinse entrambi dal lucernario.
Il gatto di marmo si stiracchiò, zampettando sui tasti di Clovis.

Chi fosse passato a notte fonda vicino alla fattoria dei Wise avrebbe sentito solo le note della Fuga del gatto di Scarlatti.

Roberto Masini



CONSIGLI DI LETTURA

» Archivio notizie

RUBRICHE: arte | Audiolibri | Concorsi | Dracula | ebook | editori | Film | Film gratis | Fumetti | Guida alla scrittura | Halloween | Interviste | Isola di Scheletri | Letters from R'lyeh | libri | Necrolexicon | Notizie | partner | Pennywise | Racconti | Scream Queen | Segnalibri | Signora delle Mosche | Teschio d'oro | TV Horror | Videogiochi | Zio Tibia