La cucina di Dorothy

Racconto per il concorso "300 Parole Per Un Incubo", 2021 - edizione 20

Dorothy entrò nella vita di Elenoire il 26 agosto.
Lo fece con la stessa grazia e naturalezza con le quali varcò la soglia di casa sua in quel giorno infausto.
Da quel giorno, le due ragazze, che si erano conosciute all’università, divennero inseparabili, accomunate com’erano dagli interessi musicali e dalle aspirazioni professionali. In breve, però, Dorothy, dal carattere forte e assertivo, dimostrò come le sue spiccate capacità relazionali compensassero la debole personalità di Elenoire, caratterizzata da una natura mite e insicura.
Nell’arco di alcuni mesi, Dorothy assunse il controllo personale di Elenoire. Incominciò col farsi carico di tutti gli adempimenti burocratici, dalle faccende domestiche agli acquisti alimentari. Prese a sostituirla negli affari economici e, sotto falsa delega, anche nelle questioni legali. Mentre Elenoire conduceva una vita tranquilla, come aveva sempre sognato, Dorothy prese il suo posto in società, usurpandone gradualmente l’identità. Imitandola dal tono della voce alla postura, si sostituì ad essa in ogni luogo, pubblico e privato.
Prima che Elenoire divenisse consapevole di queste manovre, Dorothy riuscì infine a sopraffarla, soffocandone ogni ribellione.

Pubblicità

IL RITORNO DEI MORTI VIVENTI
E' disponibile il grande saggio illustrato dedicato a "Il Ritorno dei Morti dei Viventi", film cult di Dan O'Bannon del 1985. Oltre 180 pagine di curiosità, aneddoti, informazioni e interviste che soddisferanno anche i fan più esigenti. Compralo subito! Disponibile in formato cartaceo illustrato

Il 13 marzo un agente immobiliare, che varcò la soglia di quella casa, non trovò quindi due ragazze.
Quell’uomo in giacca e cravatta non aveva creduto alle sue orecchie quando aveva ricevuto quell’invito per cena. Non immaginava di quali fatti sarebbe stato vittima. Si complimentò con Dorothy per la cucina sofisticata e i sapori ricercati di quella tavola. Non avrebbe creduto ai suoi occhi se avesse visto il corpo sezionato di Elenoire in frigorifero. Non avrebbe mai immaginato che quell’arrosto in umido o quella lingua in salsa piccante provenissero dalle carni di una giovane donna, massacrata a colpi di martello.
Soprattutto, quell’uomo non immaginava che il vampirismo fosse un disturbo psichiatrico reale e che l’oggetto delle attenzioni di Dorothy fosse diventato lui.

Massimo Raviola



CONSIGLI DI LETTURA

» Archivio notizie

RUBRICHE: arte | Audiolibri | Concorsi | Dracula | ebook | editori | Film | Film gratis | Fumetti | Guida alla scrittura | Halloween | Interviste | Isola di Scheletri | Letters from R'lyeh | libri | Necrolexicon | Notizie | partner | Pennywise | Racconti | Scream Queen | Segnalibri | Signora delle Mosche | Teschio d'oro | TV Horror | Videogiochi | Zio Tibia