La bambola

Racconto per il concorso "300 Parole Per Un Incubo", 2018 - edizione 17

«Ti voglio bene, Sandy, sei la mia migliore amica».
Me lo ripeteva ogni giorno, ridendo con una vocetta stridula e penetrante.
Ogni sera, non appena il papà e la mamma uscivano dalla stanza dopo aver rimboccato le coperte e spento la luce, mi stringeva forte a sé, tanto da farmi male e lasciarmi le impronte delle sue piccole dita sudice sulle braccia.
La detestavo con tutta me stessa.
Era capace di trascorrere ore intere a spogliarmi, cambiarmi i vestiti, pettinarmi e tagliarmi i capelli in malo modo, attirando lo sgomento degli adulti dopo avermi lasciata in posa, quasi fossi una macabra creazione da esibire al suo pubblico.
Non potete capire cosa significhi non avere il controllo del proprio corpo, non riuscire a parlare, ribellarsi e invocare aiuto. Nessuno potrà mai immaginare l’orrore che si prova nell’essere cosciente di tutto quello che qualcun altro decide di farti senza che tu possa opporre alcuna resistenza.

Pubblicità: 3 libri cartacei 6.90 €

Incredibili offerte per i nuovi iscritti a Vinted: 3 libri (Max Schreck, l'attore vampiro", "Il Ritorno di Pazuzu" e "Cuore") a 6.90 € oppure 2 libri a 4.90 € o 3.90 € se in coppia con "Tre minuti di orrore". Spese di spedizione comprese! Non perdere tempo. L'offerta scade il 29 maggio. Scopri le super offerte!

Eppure sono sicura che lei mi capisse, che riuscisse a leggere nei miei occhi tutta l’angoscia, la frustrazione e l’odio che nutrivo nei suoi confronti.
Anzi, ne era proprio felice.
A volte, quando nessuno poteva vederci, mi umiliava e mi faceva male di proposito. Gioiva nel farmi urtare degli oggetti e poi fingere di prendersi cura di me. E quanti modi creativi s’inventava per far credere che quell’ammaccatura o quel graffio me lo fossi procurata in chissà quale incredibile occasione.
Non si sarebbe mai stancata di quel sadico gioco.
Del resto, quale gioia più grande poteva esserci per una bambola nell’ottenere il pieno controllo su un essere umano che non poteva parlare né muoversi a causa di una tremenda malattia invalidante?
Per una volta i ruoli erano invertiti ed era lei a dettare le regole dei giochi.
«Saremo amiche per sempre, piccola Sandy. Non ci lasceremo mai».

Yami

Yami (conosciuta anche come Yami Yume) ha all’attivo diverse pubblicazioni: il romanzo fantasy Immagina (Sangel Edizioni, 2011 - Libro Aperto International Publishing , 2014), la raccolta di racconti horror e noir Black & Noir (Kimerik, 2014), la raccolta di favole e racconti fantasy Il bambino di latte e altre storie (Kimerik, 2015) e altri racconti, haiku, favole e aforismi in 30 antologie di autori vari.  



CONSIGLI DI LETTURA

» Archivio notizie

RUBRICHE: arte | Audiolibri | Concorsi | Dracula | ebook | editori | Film | Film gratis | Fumetti | Guida alla scrittura | Halloween | Interviste | Isola di Scheletri | Letters from R'lyeh | libri | Necrolexicon | Notizie | partner | Pennywise | Racconti | Scream Queen | Segnalibri | Signora delle Mosche | Teschio d'oro | TV Horror | Videogiochi | Zio Tibia