L'Ilv

di Daniele Marassi - pagine 365 - euro 13,00

A Trieste qualcuno rapisce bambini. Francesco, Marina e Stefano avranno un ruolo cruciale per la risoluzione del mistero: le sue radici affondano nel loro passato.
L'idea di fondo della storia è interessante ma purtroppo lo stile con cui viene presentata non mi ha convinta: è eccessivamente descrittivo.
Ogni evento e soprattutto ogni personaggio viene raccontato con richiami continui al passato, lasciando poco all'immaginazione. I protagonisti si intrecciano continuamente con altre figure e la narrazione delle loro vite si trasforma in un contenitore di racconti, rendendo il tutto ridondante. Il lettore scivola continuamente tra i pensieri dei protagonisti e i dialoghi non sono sempre verosimili; i personaggi appaiono, scompaiono e cambiano continuamente il loro modo d'essere, risultando privi di personalità ben definite: in troppe occasioni rispondono a stereotipi. Sono eccessive le informazioni, molte volte superflue.

Ho trovato la lettura faticosa perché la trama si perde nei flash biografici a scapito delle azioni. Sicuramente il motore che spinge verso il finale è la curiosità di conoscere la verità ma anche l'epilogo non mi ha convinta: alcuni pezzi del puzzle non sembrano essere completamente allineati o pertinenti. L'elemento disturbante si incentra più sulla natura umana: il soprannaturale è marginale. Traspare comunque l'impegno dell'autore e l'affetto per la sua opera.
Per concludere: apprezzabile l'intento e corretta la scrittura, lo stile può maturare.
Voto: 6

Incipit
Tutto incominciò negli ultimi giorni di gennaio dello scorso anno, quando mia madre aprì un minimarket all’angolo tra via delle Settefontane e via della Fabbrica, zona di periferia o quasi. Ricordo ancora quel pomeriggio piovoso in cui la accompagnai a ufficializzarne l’acquisto. Ebbra di gioia, ridacchiava come una ragazzina e non era riuscita a trattenere l’euforia nemmeno davanti al notaio: «Sì, sì, sì! Finalmente! Il negozio è nostro!» aveva esultato dopo il rogito, poi mi aveva stretto a sé fino a farmi mancare il respiro.

Gloria Contini, nasce nel 1983 in provincia di Parma. Laureata in "Arte, spettacolo e immagine multimediale", è insegnante di scuola primaria e da sempre amante del genere horror.



POTREBBE INTERESSARTI

» Tutte le notizie

RUBRICHE: arte | Audiolibri | Concorsi | Dracula | ebook | editori | Film | Film gratis | Fumetti | Guida alla scrittura | Halloween | Interviste | Isola di Scheletri | Letters from R'lyeh | libri | Necrolexicon | Notizie | partner | Pennywise | Racconti | Scream Queen | Segnalibri | Signora delle Mosche | Teschio d'oro | TV Horror | Videogiochi | Zio Tibia