Homepage di Scheletri Horror Racconti Film Libri Videogiochi
SERRATA CONTESA PER LA PREDA DESIGNATA

 

on provava stanchezza mentre correva a perdifiato, non percepiva nemmeno il peso del sangue di sua madre e di sua sorella che si era rappreso sul vestito e che come un gel di morte le aveva scolpito un'inquietante acconciatura.
Correva Irina; fuggiva dalle creature che la inseguivano e che lasciavano dietro sé una scia di bava e sangue; creature bramose di divorarla.
Entrò in un bosco Irina. Il piede destro rimasto scalzo non si accorse delle asperità del nuovo terreno di battuta: aghi di conifera che vi si conficcavano, insetti schiacciati e viscidume.
Irina non percepì nulla. Il terrore come un manto nero e soffocante aveva coperto tutti i suoi sensi.
Gli esseri dietro di lei, grugnendo e latrando, proseguivano la loro avanzata lentamente ma inesorabilmente. Ne contò quattro o cinque. Non volle accertarsene, soprattutto dopo aver assistito al massacro precedente.
Con la coda dell'occhio vide anche che non era sola. Ai lati del sentiero che stava percorrendo c'era qualcosa. Bagliori di piccoli corpi metallici che rispondevano al sole si accompagnavano a piccole presenze, stavano tutte in fila lungo la via e si muovevano assieme a lei in modo prudente. La ragazza non si fermò; continuò senza sosta fino a che riuscì a sbucare su uno spiazzo enorme con una casa al centro. Quella villetta avrebbe potuto essere la sua salvezza.
Avvicinandosi sempre di più vide che il portone era aperto, ci piombò subito dentro chiudendosi immediatamente dall'interno. Ebbe la lucidità di controllare lo stato delle stanze e delle finestre sebbene fosse completamente soggiogata dalla paura.
Per sua fortuna le imposte erano tutte sbarrate, probabile che chi vivesse là dentro conoscesse già il problema che in quel momento stava incombendo su di lei.
- C'è nessuno? Aiuto! - Provò a dire nel vuoto.
Aspettava la risposta esplorando quello che rimaneva della casa; in una stanza trovò qualcosa che la allarmò immediatamente: una scala a chiocciola era nascosta dietro a una delle porte.
Il piano di sopra!
Fece subito le scale; non doveva permettere che il suo rifugio fosse violato e che si trasformasse nella sua tomba.
Chiuse tutto ciò che era rimasto aperto.
Una botola separava il piano inferiore da quello superiore, Irina la serrò aggiungendo la catena col lucchetto che trovò adagiati là vicino.
Quei troll che la seguivano erano molto forti ma Irina aveva la quasi certezza di stare al sicuro. La casa era robusta e gli sbarramenti erano massicci, certamente allestiti per resistere agli eventuali attacchi di quei mostri che per fortuna non erano capaci di volare.
Irina si sedette e guardò oltre la finestra in attesa di scorgere qualcuno per farsi aiutare. Gli inseguitori non si fecero attendere, arrivarono poco dopo che la ragazza si chiuse al piano di sopra. Iniziarono a colpire il portone con estrema forza cercando di sfondarlo ma tutta la struttura resistette senza alcun problema.
Irina aveva paura. A un certo punto dalla finestra riuscì a distinguere una sagoma umana che stava giocando con un cane su una collinetta.
Irina non si trattenne, aprì la finestra e urlò:
- Aiuto! Signore mi aiuti, la prego! Aiuto! -
L'uomo si fermò, l'aveva sentita. Diede delle indicazioni al cane il quale rimase lì fermo senza muoversi mentre lui cominciò a correre. Discese la collina in un batter d'occhio. Era veloce il suo salvatore; velocissimo! In men che non si dica attraversò il bosco e arrivò sul piazzale. Prima si guardò intorno poi fece un balzo inumano. Irina indietreggiò mentre l'uomo sfondava la finestra e si presentava davanti a lei.
Irina si protesse il viso dai pezzi di vetro che le vennero schizzati addosso. Quando abbassò il braccio si rese conto che quello che si trovava davanti non era un uomo ma un enorme bestia mannara. La testa e le zampe anteriori erano quelle di un orso, il corpo sembrava quello di un essere umano, i vestiti erano in parte lacerati. Allargò le zampe come se volesse prepararsi ad agguantarla. Ruggì in maniera terribile tant'è che Irina cercò di tapparsi le orecchie con le mani per non udirlo. L'urlo del mostro però si strozzò all'improvviso.
Irina vide che la testa dell'orso rimase sospesa in aria mentre l'ammasso di carne che componeva il corpo dell'uomo-animale cadde in terra come un sacco di patate. Un fiotto di sangue rosso e caldo sgorgò dal collo rimasto decapitato. Una volta caduta la carcassa Irina vide un'altra figura ferma davanti a lei che spiegò il "miracolo" della testa sospesa. Un ragazzo vestito di nero l'aveva appena salvata. Teneva in alto il capo gocciolante dell'orso-mannaro; l'aveva staccato con un singolo colpo del suo gigantesco coltello a serramanico.
Irina voleva gridare ma un misto di orrore, stupore e lieve sollievo glielo impedì.
Non c'era tempo da perdere.
- Dobbiamo andar via da qui - disse il ragazzo in nero.
Irina non rispose niente e non si oppose.
Aprirono il lucchetto della botola, tolsero la catena e andarono giù.
Mentre scendevano le scale una scossa li fece sobbalzare. Non erano i troll che cercavano di buttare giù la porta; quel colpo era stato molto più forte.
Bum! Un altra scossa, stavolta più potente. Irina cadde dalle scale fino a toccare terra mentre il ragazzo scivolò oltre il corrimano e precipitò per due metri.
Tutti e due doloranti cercarono di riprendersi subito ma non fecero in tempo perché il terzo colpo sfondò il pavimento da sotto. Dal buco formatosi uscì fuori una specie di ragno gigante tentacolato. Gli otto occhi verdi incastonati sul muso scrutarono il nuovo ambiente. Il ragazzo si rialzò ma venne colpito da un arto del mostro che lo scaraventò violentemente sul muro antistante. Una delle altre zampe invece si attorcigliò intorno ad Irina.
Il ragno-polpo aprì le fauci. L'aspetto di quella bocca spalancata era disgustoso, sembrava un pozzo contornato da tre file di denti aguzzi. Il ragazzo in nero non poteva permettere che Irina fosse divorata. Dalla cintola estrasse una fiala che lanciò sul volto del mostro. L'ampolla si ruppe e rilasciò l'acido che conteneva iniziando così a corrodere i tessuti del ragno. Urla disumane e terribili stridii vennero emessi dal mostro prima che liberasse la presa da Irina che fu recuperata al volo dal ragazzo. Una seconda fiala con un contenuto diverso fu lanciata verso le carni semi-liquefatte. Stavolta la reazione chimica innescata diede vita ad un'immediata combustione che arse completamente l'essere immondo uccidendolo definitivamente. Il fuoco era troppo e si appiccò immediatamente anche alla casa. Dovevano uscire di lì.
Aprirono il portone spostando prima alcuni detriti prodotti dalla battaglia col ragno.
Cinque troll armati di clava li stavano aspettando.
Due di loro si avventarono su Irina che scappò, gli altri tre azzannarono il ragazzo alle spalle e alla mano destra.
Lui non si scompose. Era il momento di far partire il suo show.
Aveva le gambe libere, gli altri lo tenevano per le braccia, riuscì perciò a spingerne uno lontano. La visuale adesso era libera. Con un calcio potentissimo colpì una pietra che fracassò il cranio del troll davanti a sé facendolo letteralmente esplodere. Con un balzo all'indietro poi si liberò dalla prigionia. Tirò fuori il coltello con cui aveva decapitato l'uomo-orso poco prima e con una velocità inimmaginabile colpì i quattro troll al petto, uno dopo l'altro, prima i due che lo trattenevano poi gli altri che stavano inseguendo Irina. I mostri barcollarono ma non morirono. Lanciò il coltello a uno dei quattro quindi con le mani aprì la bocca di un altro e ci ficcò il braccio dentro fino alla spalla, raggiunse il cuore, lo estirpò e glielo spiaccicò in faccia. Il troll con il coltello conficcato se lo estrasse dal corpo e si diresse verso il ragazzo. Quest'ultimo gli bloccò il braccio e guidò la mano della bestia col coltello fino a fargli squartare un compagno. Completò l'opera deviandogli il braccio verso la faccia e facendogli sferrare una miriade di coltellate.
L'ultimo mostro rimasto inebriato da tutto quel sangue si fermò e si chinò per cibarsi di tutte quelle viscere sparse per terra.
Irina assistette all'eccidio senza proferire verbo. Adesso potevano andar via ma la ragazza non era soddisfatta voleva eliminare anche l'ultimo di loro. Non aveva dimenticato che anche quel mostro aveva sterminato la sua famiglia.
Il ragazzo in nero capì le intenzioni di Irina e per velocizzare la fuga le consegnò un marchingegno che aveva tirato fuori dalla sua borsa.
- Se vuoi vendicarti, utilizza questo. Lancialo sopra di lui. -
Ascoltato ciò Irina prese l'oggetto, lo esaminò un po' e poi lo tirò dove le aveva consigliato.
Quell'affare si assestò subito in una forma sferica sopra l'essere ancora intento a consumare il suo pasto. Alla palla volteggiante spuntarono decine di lame tutt'intorno poi iniziò a girare vorticosamente quindi discese in un lampo e si piantò su una coscia del troll. Qui roteò spasmodicamente maciullandolo lì davanti a loro.
- Ecco fatto. Adesso andiamo. Conosco un posto dove saremo al sicuro - continuò il ragazzo.
Irina seguì il suo angelo vendicatore continuando però a girarsi e a rigirarsi per vedere lo spettacolo dei troll fatti a pezzi, spettacolo che fondamentalmente non le fornì le sensazioni sperate. Non fu completamente soddisfatta, avrebbe voluto farli soffrire molto di più.
Per il momento non avevano intralci fra di loro.
Dovevano tornare indietro e per farlo erano obbligati a riaddentrarsi nel bosco.
Questa volta, fra gli alberi, si manifestarono i possessori dei baluginii che Irina aveva percepito sul sentiero durante la sua fuga. Una piccola orda di goblin armati di piccoli coltelli li attaccarono. Il ragazzo in nero mise Irina dietro di lui e calciò via quei piccoli esserini, uno dopo l'altro, come se fossero dei minuscoli palloni da rugby. Nessuno di loro riuscì ad avvicinarsi. Alla fine desistettero e si ritirarono.
Irina e il ragazzo in nero uscirono dal bosco.
- Guarda lì - il ragazzo indicò sulla destra un picco con una costruzione sopra.
- Andremo lassù. Così nessuno avrà modo di raggiungerci - continuò.
- Tieniti forte - disse stringendo a sé Irina e saltando fino al picco con una spinta incredibile.
- Chi sei tu? - chiese Irina mentre volava nel cielo.
Il ragazzo atterrato presso la casa "sicura" lasciò la ragazza e s'incamminò verso la fontana del giardino per sciacquarsi e riposarsi un po'.
- Chi sei? - insistette la ragazza.
Il ragazzo, asciugandosi il viso con un pezzo di stoffa, disse:
- Sono uno che non voleva che ti uccidessero e ti divorassero... e poi come avrei potuto lasciare a quella feccia un bel bocconcino come te? -
Irina fece un mezzo sorriso intendendo un senso che la lusingò non poco.
Il ragazzo in nero si avvicinò a lei con passo deciso, l'abbracciò e la morse improvvisamente al collo succhiando tutto il suo sangue e la sua linfa vitale.
La brama del ragazzo non aveva alcunché di sessuale o romantico... era solamente un desiderio puramente famelico.
Dopo essersi nutrito lasciò il cadavere raggrinzito di Irina, si sedette su un masso che si trovava nelle vicinanze e pensò sconsolato fra sé e sé:
- Ma guarda tu cosa deve fare uno per mettere qualcosa sotto i denti. -

Domenico Maiolo