Il mediatore di case

Racconto per il concorso "300 Parole Per Un Incubo", 2008 - edizione 7

Il mediatore di case gli aprì l’appartamento. “Guardi da sé”, disse, “torno su fra dieci minuti”. Lo lasciò sulla porta e scese le scale sparendo presto alla sua vista. Così entrò. C’era un corridoio buio. Lo percorse fino in fondo. Davanti a lui una porta nera. Aprì. Il corridoio continuava. La luce era poca, ma si vedeva che in fondo girava. Lo fece tutto e svoltò. C’erano stanze vuote da entrambi i lati. Laggiù l’ennesima porta. Aprì e si trovò in una specie di salone con ampie finestre. La casa non poteva essere così grande. Forse aveva sbagliato; con tutte quelle porte era entrato in un altro appartamento senza accorgersene. Notò le tende bianche, grandi, che si muovevano. Là dietro c’era qualcuno. Ne distingueva l’ombra che andava e veniva. L’uomo si voltò verso di lui. Sembrava il mediatore di case. Solo molto più vecchio, decrepito.

Il mediatore cadente e malato. L’uomo alzò una delle sue mani scheletriche, che gli navigava dentro la larga manica nera. “Può uscire di là”, disse indicando una porta all’altro lato del salone. Lui con l’affanno che lo aveva preso e con le mani che gli tremavano si diresse svelto lì e aprì. Ancora un corridoio. Cominciò a correre. Aprì e chiuse altre porte e percorse altri corridoi. Era in un labirinto e non ne sarebbe mai uscito. Poi un’altra porta e, con sorpresa, si trovò d’un tratto ancora sul pianerottolo. Si appoggiò alla parete per riprendere fiato e, nonostante avesse come una nebbia davanti agli occhi, lo vide. Il mediatore di case era disteso a terra. Il sangue, che aveva formato una larga pozza sotto di lui, stava gocciolando giù per le scale con un ticchettio uguale, monotono, uniforme.

Roberto Santini

Roberto Santini, fiorentino, è iscritto all'Ordine degli Psicologi. Ha pubblicato "La regola de male" per Contatto di Lerici e "A luce spenta" per Laurum. Suoi racconti sono nel Giallo Mondadori e in varie pubblicazioni. Ha vinto nel 2000 il Grangiallo di Cattolica. Il Premio Ghostbusters 2001. Il premio "Giallocarta" 2005. Del racconto "Nero come le formiche" è stato tratto un film, vincitore nel 2008 di una sezione a Cannes. Il racconto "La cosa nera" è stato premiato a "Romanoir" 2008. Sito web: www.robertosantini.it, blog: http://robertosantini.splinder.com