Homepage di Scheletri Horror Racconti Film Libri Videogiochi
31 OTTOBRE, LA NOTTE DELLE STREGHE

(Racconto per il concorso "300 Parole Per Un Incubo", 2007 - edizione 6)

 

e due streghe sedevano pazienti sulle sedie a dondolo, sotto la veranda. Marmocchi addobbati come pagliacci riempivano la strada, mendicavano di porta in porta in cerca di leccornie minacciando innocui scherzi a chi aveva la sfacciataggine di respingerli.
-Ridicoli- disse una.
-Ignobili- rispose l’altra.
Due piccole fattucchiere vestite di nero e con lunghi cappelli appuntiti entrarono nel vialetto della casa stregata, avvicinandosi alle due donne.
-Dolcetto o scherzetto?-
Le streghe le fissarono annoiate, occhi neri e piccoli circondavano i loro nasi aguzzi e grinzosi. Una di loro frugò nella cesta accanto alla sedia a dondolo, ne estrasse una manciata di caramelle avvolte in carta rosa lucida e le consegnò ad una delle bambine. Mani dalle unghie affilate sfiorarono per un istante mani paffute e innocenti. Il cielo protestò, rombando in accecanti fulmini e saette. Si udirono strilli bambineschi dalla strada.
Le fanciulle si guardarono, impaurite, e fecero per voltarsi mentre la seconda strega già balbettava incantesimi antichi e maledetti. Si alzò un gelido vento d’inverno che avvolse le due bambine in un vortice di luce azzurra. La prima strega, quella delle caramelle, schioccò le dita e le giovani fattucchiere si tramutarono in bamboline di marzapane e magicamente lievitarono fin dentro la cesta.
-Non avevamo detto biscotti di pastafrolla?-
-Ma guarda come sono carine! E poi stavamo finendo i dolcetti di marzapane-
Le sedie ripresero a dondolare e il cielo tornò fermo e stellato.
-Atipica come giornata. Ai nostri tempi questo era giorno di festa, i marmocchi tutti a letto impauriti e noi sorelle a ballare attorno ai calderoni-
-Già. Non ti ci sei ancora abituata?-
I bambini mascherati continuavano i loro pellegrinaggi e le streghe attendevano pazienti sotto la veranda. La serata era ancora così lunga e avevano un’intera cesta di dolcetti da riempire.

Marco Cattarulla