Homepage di Scheletri Horror Racconti Film Libri Videogiochi
"ALDILA'" DELLA LINEA

(Racconto per il concorso "300 Parole Per Un Incubo", 2004 - edizione 3)

 

"Pronto"
".... Fff...."
"Pronto?!"
".... Bbb...."
"Ma chi è??"

 

CLICK

 

"Pronto"
".... Ssolo...."
"PRONTO! CHI PARLA?!"
"... Fffreddo..."
"PRONTO!! CHE SCHERZI CRETINI!!!"

 

CLICK

 

"PRONTO"
"..."
"SENTA, MI HA PROPRIO STANCATO!"
"... Solo..."
"SOLO COSA?!!"
"... Buio..."

 

CLICK

 

"Società dei telefoni, buongiorno."
"Buongiorno, avrei bisogno di un controllo sulla mia linea, da giorni ormai ricevo strane telefonate, l'ultima proprio un minuto fa, potrebbe per cortesia risalire al numero che continua a chiamarmi?"
"Effetto subito un controllo Signora, attenda in linea"
"Grazie"

 

"Pronto Signora?"
"Sì, eccomi."
"Il numero corrisponde ad un interno dell'Ospedale, ma risulta staccato, la metto in linea con il centralino, resti in linea."
"Sì, grazie, molto gentile."

 

"Ospedale cittadino, buongiorno."
"Buongiorno, spero mi possa aiutare, ho un grosso problema: continuo a ricevere telefonate anonime, ho chiamato l'agenzia dei telefoni e sono risaliti ad uno dei vostri numeri interni..."
"Oh, spero non sia qualche ricoverato in vena di fare scherzi per passare il tempo, può darmi il numero? Provvedo subito a controllare, la richiamo appena so qualcosa."
"La ringrazio."

 

"Pronto"
"Pronto Signora, è il centralino dell'Ospedale."
"Sì, avete scoperto chi è il burlone?"
"Ecco... Veramente... Il numero che mi ha dato corrisponde alla stanza 316..."
"E quindi??"
"E' la stanza del Sig. Morganti..."
"E allora?"
"E' in coma irreversibile ormai da due anni lo teniamo in vita artificialmente, perciò abbiamo pensato che potrebbe essere un inserviente ad utilizzare il telefono della stanza ma... E' stato tolto un anno fa... E' rimasta solo la presa."
"Ah..."

 

"Pp... Pronto"
"... Solo..."
"..."
"... Freddo..."
"..."
"... Buio..."

Chiara Manfrin

 

Scrivo perchè facendolo mi sento realizzata, in pace con me stessa. La scrittura mi ha salvato la vita più di una volta. Sono in debito con lei.