Homepage di Scheletri Horror Racconti Film Libri Videogiochi
AL DI LA' DEL FIUME

(Racconto per il concorso "300 Parole Per Un Incubo", 2004 - edizione 3)

 

enché necessario per raggiungere rifugi sicuri, recarsi al di là del fiume era pericoloso.
Lei lo sapeva bene. Per questo percorrendo quei sentieri non perdeva mai di vista i due figlioletti. Prima del guado bisognava attraversare una radura che si diceva essere popolata da creature mostruose. Enormi, avide di carne e cattive anche nell'odore. Non le aveva mai viste, ma un paio di volte ne aveva avvertito il lezzo appestare l'aria. Non sempre, però, il vento era d'aiuto. Altre volte facilitava le imboscate di quei mostri crudeli che era più frequente incontrare dopo l'estate, quando il cielo cupo ne esaltava la sete di sangue.
Quel giorno, mentre rincasava con la prole, percepiva oscuri presagi. Aveva piovuto e l'odore di terra umida mascherava quello del nemico. Ora però lo sentiva distintamente. Senza fiatare mise in guardia i figli, finché la visione di quattro occhi malvagi suggerì di correre a rotta di collo. Erano quelle maledette creature del demonio!
Il cuore dei fuggiaschi era già sottosopra quando un rumore più forte di ogni ruggito coprì l'urlo straziante del figlio più piccolo che ruzzolò col ventre squarciato. Il fratello fece appena qualche balzo in più prima di colorare l'erba di rosso. Lo sgomento della madre venne ben presto cancellato da un nuovo boato e da una fitta lacerante.
Cadde anche lei, con la testa riversa. I suoi occhi sbarrati di lepre morente guardarono per l'ultima volta quel cielo plumbeo senza un dio da supplicare o maledire. Poi il nulla.
Nel mondo dei vivi un uomo con cartucciera e fucile a tracolla grugnì rozzamente in spregio alle vite appena spezzate. "Luride bestie! Quest'anno la selvaggina non è neppure ingrassata a sufficienza per farci il ragù". Il suo compagno d'armi annuì: "Lasciamole qui, non vale nemmeno la pena di abbassarsi a raccoglierle".

Sergio Luoni