Homepage di Scheletri Horror Racconti Film Libri Videogiochi
OCCHI VITREI

(Racconto per il concorso "300 Parole Per Un Incubo", 2004 - edizione 3)

 

cie azzurre sul mare viola.
Eleva mani al cielo e vento ingarbuglia le sue chiome. Sta precipitando tra risate nella testa...
Si sveglia.
Sudore freddo. Lacrime asciutte a tenderle la pelle. Mani tremule a cercare un bicchiere. Un fottuto bicchiere.
» solo un altro giorno.
Guarda gocce scure sul pavimento. Schiamazzi confusi nella mente. Siede sul letto. Mani tra le ginocchia. Occhi cupi. Agitazione. Drizza lo sguardo dinanzi a sť trasportata da visioni. Ancora freddo. Ancora pioggia. Ancora vuoti.
Il computer emette luce rossa a colorarle le pallide gote.
Ricorda.
Guarda i suoi palmi e vede macchie nere. Si specchia scorgendo tagli sulle labbra. Piume a cadere, giorni a passare. Ragni pelosi compiaciuti camminano nei suoi pensieri. Si stringe le tempie in cerca di sollievo e mille cori si levano. Nell’angolo, privato, regna il ragno e la sua prole. Seduti al banchetto delle mosche.
Affranta. Impotente. Scorge il ragno con il suo incedere pressante, la sua sagoma vellutata, il nero dei suoi occhi. Spalanca la finestra in cerca d’aria. Soffoca. Le fanno male gli occhi. Bruciano in preda alle fiamme. Sente ribrezzo e rabbia.
Precipita.
Ripensa al sogno. Crolla davvero, adesso. Ride. Ride. Ride. Sono istanti lunghi anni. Colori cangianti dal verde al nero nella discesa frenetica. Li osserva stregata mentre rotea in un vortice di vento.
Asfalto.
Suolo rosso. Occhi intatti nelle macerie del suo volto. Mirano il sovrastante. Vitrei.

Adele Patrizia

 

Sono Adele Patrizia. Di solito dico solo il nome. Necessita altro?