Homepage di Scheletri Horror Racconti Film Libri Videogiochi
DIMENTICATI

 

nche l'ultimo mobile fu caricato sull'autocarro dell'impresa di traslochi. Il vecchio guardiano si ferm˛ per un attimo ad osservare con aria triste la grande casa che per molti anni era stata suo luogo di lavoro, lanci˛ un lungo sospiro e con l'enorme lucchetto che teneva fra le mani ne chiuse per sempre il portone d'ingresso.
Alcuni addetti al trasloco distrattamente lo sentirono pronunciare alcune parole: "Che Dio abbia pietÓ di voi". Poi il vecchio salý sulla sua eterna bicicletta e pi¨ nessuno seppe qualcosa di lui. Quella casa era il vecchio ospedale infantile, struttura per decenni perfettamente funzionante ma che nel giro di poco tempo aveva subito un lento quanto inspiegabile degrado. Da alcuni anni solo Mario, il guardiano, era l'unica persona che ogni mattina entrava in quell'elegante villa del Settecento e ne usciva dopo il tramonto. Solo gli acciacchi della venerabile etÓ gli imposero la resa. Una resa molto dolorosa.
E' passato molto tempo da quel giorno e oggi, percorrendo la vicina strada, Ŕ quasi impossibile scorgere la figura del vecchio ospedale ormai inghiottito dalla vegetazione lasciata nel pi¨ completo abbandono. Un luogo divenuto spettrale teatro di mille favole spaventose ma per qualcuno irresistibilmente attraente.
Come diceva un saggio, sono pochi gli ingredienti per cacciarsi nei guai ... un bar, qualche birra e tre o quattro ragazzi che non sanno come trascorrere la serata. "Vi cagate sotto ... conigli!". Riccardo il pi¨ spavaldo lancia la sfida. Luciano ed Enrico non sono del tutto convinti ma sanno che l'onore, specie di fronte alle ragazze, va difeso ad ogni costo. "Noi non ci caghiamo addosso!". Meno di un'ora e i fari di una Golf illuminano la notte davanti a quella che un tempo era la cancellata del vecchio ospedale ora nient'altro che un ammasso di ferri contorti e arrugginiti divorati dall' edera. "Abbiamo le pile?" - "Sý ... merda che postaccio!".
I tre avventurieri cercano di nascondere in malo modo i brividi che passano sulle loro schiene. Un unico pensiero - "... che cazzo stiamo facendo qua?". Riccardo compie il primo passo e scavalca con un balzo quell'informe groviglio metallico-vegetale. "Cosa state aspettando?"
Riccardo finge sicurezza ma in realtÓ sta accusando inaspettatamente il fatto di non avere vicino i compagni d'avventura. Un lunghissimo attimo di silenzio poi una serie di rumori disordinati indicano che anche i due si sono decisi ad affrontare l'impresa. Le torce elettriche illuminano alla meno peggio ci˛ che un tempo fu un meraviglioso giardino ora invece reticolo impenetrabile di rami e rampicanti. "Questo Ŕ il viale principale ... si vede la pavimentazione!" - "Andiamo avanti ... qui si passa meglio".
I tre avanzano lentamente togliendosi dal volto le ragnatele tese fra una fronda e l'altra ... "ragni di merda!".
Una miriade di falene danza attorno ai fasci di luce mentre tutt'attorno un inquietante silenzio.
"Ma da quanto tempo stiamo camminando?" - "Quanto Ŕ lungo questo viale?". Nessuno ha la concezione del tempo trascorso ... forse pochi minuti ma tutti hanno la sensazione di essere lý da ore.
"Ragazzi dove cazzo stiamo andando?" - Enrico comincia a dubitare dell'impresa. "Ormai siamo arrivati ... non sarÓ mica lungo dei chilometri sto viale ...". Improvvisamente, quasi per incanto, la nera sagoma del vecchio edificio appare a pochi metri dai tre esploratori. "Cazzo ... non me l'aspettavo ... mi ha preso un colpo porca puttana!". Enrico impreca mentre gli altri due rimangono muti per la sorpresa. "E' enorme ...!". Riccardo tenta di fare lo spiritoso: "Forse vediamo un fantasma ...!" - "Vaffanculo stronzo!" - Non Ŕ il momento per le storie di paura. Ora il silenzio Ŕ veramente tombale. Ognuno vorrebbe parlare ma ci si rende presto conto che ci˛ che trattiene in gola qualsiasi rumore Ŕ la paura. Una paura fottuta. Luciano ha i nervi a fior di pelle. "Adesso torniamo a casa". Nessuno tuttavia muove un muscolo. La lugubre dimora esercita sui tre un fascino tenebroso. Le finestre sbarrate, le grondaie pericolanti, la muffa sui muri. Tutto ci˛ Ŕ un seducente richiamo per i tre giovani la cui immaginazione cerca di penetrare quelle antiche mura alla scoperta di chissÓ quale mistero. Vengono alla luce le paure dell'infanzia ... il lupo, la strega, il buio ... chissÓ che buio lÓ dentro. Voglia di tornare indietro ... voglia di cercare un passaggio che conduca all'interno. Nessuno parla. Il cuore batte fortissimo su quell'andirivieni di emozioni contrapposte.
Forse un topo muove un cespuglio, i ragazzi a stento trattengono un grido. Riccardo finalmente toglie del tutto la giÓ traballante maschera del temerario ... "andiamocene di corsa!". Ma i suoi amici non lo stanno ascoltando. Ora nel buio le fronde si muovono sempre pi¨ violentemente. Non sono topi quelli lÓ. I ragazzi sentono che qualcosa si avvicina e la paura comincia a trasformarsi in terrore. Le torce illuminano la calma pi¨ totale ma qualcosa o qualcuno in distanza si sta muovendo lÓ dove le luci non potranno mai arrivare. "Dio ... cosa facciamo ora?".
La razionalitÓ lascia subito il posto all'istinto, quell'istinto che porta ogni creatura vivente a cercare la salvezza.
Nessuno riesce a capire come sia potuto succedere, c'Ŕ un istante di buio che impedisce di ricordare. "Come abbiamo fatto ad entrare?". Fuori nessun rumore e le luci sempre pi¨ deboli illuminano le pareti del vecchio ospedale. "Cazzo ... come abbiamo fatto ad entrare?". Enrico continua meccanicamente a ripetere la stessa domanda. Riccardo si guarda attorno inebetito mentre Luiciano accovacciato a terra singhiozza come un bambino.
Finalmente un attimo di luciditÓ. "Ragazzi qui qualcuno ci sta facendo uno scherzo ... adesso usciamo e gli rompiamo il culo!". Parole che portano una ventata di energia destinata tuttavia ad esaurirsi immediatamente quando Luciano smette di piangere ...". Ma da dove siamo entrati?".
Le torce elettriche assomigliano a deboli candele e le tenebre di quella casa stanno inghiottendo rapidamente i suoi occupanti. "Ci siamo persi ... ci siamo persi!".
I cuori stanno per esplodere e i tre amici si stringono fra loro quando il buio vince definitivamente la sua battaglia.
Ora il silenzio Ŕ veramente irreale, sembra di essere sospesi nel vuoto. Poi lentamente i ricordi riaffiorano dalla nebbia del terrore. Il portone che cede alla spinta furibonda, la fuga a perdifiato in sale tutte uguali, la breve sensazione di essere al sicuro. Improvvisamente un fruscio, poi un altro accompagnato da un sospiro, tanti sospiri. Riccardo, Enrico e Luciano capiscono, paralizzati da un lucido e inaudito terrore, di non essere soli. Purtroppo non Ŕ uno scherzo. Un'esplosione di urla disumane poi il nulla. Riccardo apre gli occhi risvegliandosi da un sonno senza sogni. La vista Ŕ appannata ma sufficente per scorgere la sagoma di una piccola finestra dalla quale sta entrando la grigia luce dell'alba. Capisce di essere steso al suolo mentre le idee faticosamente cominciano a riordinarsi. Vorrebbe chiamare i suoi amici ma dalla bocca fuoriesce un flebile rantolo. Il torpore del risveglio viene subito scalzato da un'ondata di disperazione. Vorrebbe muoversi ma nessun muscolo risponde; solo la vista Ŕ l'unico senso in grado di aiutarlo. Gli occhi si riempiono di lacrime quando all'improvviso sopra di lui appaiono come fuoriusciti dal nulla, i misteriosi abitanti di quella villa. Riccardo non ha neppure la forza di avere paura ma solo il tempo di ricordare una delle mille leggende nate dopo l'abbandono del vecchio ospedale. Una leggenda carica di tristezza che parlava di bambini orribilmente deformi nascosti alla derisione del mondo dei normali e rinchiusi per sempre nei sotterranei dell'ospedale. Non era una leggenda. Ora Riccardo prova solo un profondo senso di pietÓ per quelle creature dimenticate e non sente dolore quando i primi denti fanno strazio delle sue carni. Qualcosa dovranno pur mangiare.

Riccardo Galliani