Homepage di Scheletri Horror Racconti Film Libri Videogiochi
ATTENTI AGLI INCUBI

 

ra una giornata afosa di un incredibilmente caldo mese di luglio, ogni cosa procedeva alla stessa maniera come tutti i santi giorni, mi ero appena alzato e mi aspettava una giornata splendida insieme ai miei amici in spiaggia, anche se percepivo una sensazione strana mai provata prima di quel momento, un mix tra angoscia e felicità. Era strano, molto strano, quasi mi sembrava di vivere in un altro mondo, diverso da tutto ciò che avevo incontrato nella mia vita.
Inizialmente non ci feci tanto caso, ma quando scesi le scale e vidi che al piano sottostante invece del mio normalissimo salotto c’era uno squallido saloon stile vecchio West, allora inizia seriamente a preoccuparmi. Era impossibile, come poteva accadere una cosa del genere? Ritornai di sopra e in quella che doveva essere la mia camera,  vi trovai una prostituta che stava finendo il suo bel “lavoretto” con un cliente del locale. No, non era possibile, tutto ciò non poteva essere reale.
Corsi come un forsennato al di fuori del locale e mi ritrovai in mezzo ad una polverosa via di una città che non avevo mai sentito nominare, Mortvill. Rimasi a lungo turbato quando ad un tratto una soave figura femminile mi afferrò per mano e mi disse: ”Vieni con me e troverai tutto quello che nella Terra non potrai mai avere”. Dopo aver ascoltato ciò rimasi molto titubante, ma una forza misteriosa invase il mio animo ed io non riuscii a dirle di no. Sofy, così diceva di chiamarsi, mi portò a visitare gran parte della loro città, anche se molte zone di essa non riuscii a vederle bene poiché era notte e stranamente la Luna non era presente nel cielo. Arrivai sulla soglia di casa sua e mi disse: ”Qui troverai qualsiasi tipo di lussuria e godimento, cose che tu non hai mai visto prima d’ora”. A quel punto sentii dentro di me il sangue ribollire nelle vene e immediatamente seguì Sofy fin dentro casa sua. Subito la giovane iniziò a spogliarsi ed io feci lo stesso, iniziammo a fare l’amore come due cani in calore, tutto ciò era splendido, paradisiaco.
La mia mente era completamente vuota, senza alcun pensiero o problema della vita quotidiana, quando ad un tratto Sofy fermò il suo movimento ondulatorio e mi disse: “Ora tu rimarrai sempre con noi” e mi diede un morso al braccio non riuscendo ad arrivare fino al collo. Solo in quel momento capii in che città mi trovavo e per quale motivo né il Sole né la Luna risplendevano nel cielo. Compresi che quella strana città, Mortvill, non era altro che un regno parallelo al nostro, nient’altro che un mondo popolato da spiriti delle tenebre, VAMPIRI. Comincia ad ansimare e riuscii a colpire in pieno volto Sofy, scaraventandola a terra. Mi misi i calzoni e le scarpe ed incominciai a scappare, non sapevo che direzione prendere così corsi velocemente senza una meta precisa.
Mi fermai, ero stremato e mi trovavo in un mondo totalmente sconosciuto alla mente umana. D’un tratto la mia vista si appannò e svenni a terra. Quando mi risvegliai mi ritrovai ancora una volta nella mia camera, era stato tutto uno stramaledetto incubo e subito corsi di sotto. Erano venti anni che abitavo in quella casa e per la prima volta provai una gioia immensa nel rivedere il mio normalissimo salotto. Aprii la porta e vidi che fuori gli uccellini volavano liberi nel cielo in una splendida giornata di luglio. In quel momento i miei amici mi vennero a chiamare per andare in spiaggia. Io ritornai in camera e quando mi svestii vidi il mio braccio sinistro completamente tumefatto e di color violastro. Subito dissi ai miei amici che non potevo andare con loro in spiaggia quel giorno, li salutai e frettolosamente mi catapultai in bagno. Lì mi guardai i denti e vidi i due canini più lunghi del solito, ero diventato uno di loro, ero diventato uno spirito delle tenebre, ero un VAMPIRO, un fottuto vampiro. Imprecai contro Dio, ma non cambiò nulla, la mia vita di comune mortale era finita ed ora sono qui nelle fogne della mia tanto amata città costretto da un “incubo” a vivere come un topo.

Claudio Pieri

 

Claudio Pieri è nato il 02-02-84 a Cesena, ma vive a Cannuzzo (RA). Fin da piccolo è appassionato da tutto quello che riguarda l'argomento horror in generale. Possiede una grande collezione di film horror che vanno da "La notte dei morti viventi" fino a tutta la saga di "Nightmare". I suoi due film horror preferiti sono "Profondo rosso" e "Venerdì 13". In letteratura ama tutto ciò che riguarda il genere gotico, sopratttutto i libri che trattano del patto col Diavolo!