Grabinski: il "Poe" della Polonia

Esce, nella meritoria collana “Biblioteca dell’immaginario” delle Edizioni Hypnos, un'antologia di racconti che è una vera e propria perla sconosciuta della letteratura fantastica: Il villaggio nero di Stefan Grabinski” (1887-1936), un autore considerato dalla critica specializzata “l’Edgar Allan Poe polacco”. Grabinski, stimato da scrittori del calibro del connazionale Stanislaw Lem e dell’americano Thomas Ligotti, è un gigante del fantastico europeo, creatore di un tipo di orrore soprannaturale straordinariamente moderno. Il volume si avvale di una nota introduttiva, di una nota bio-bibliografica e della traduzione di Andrea Bonazzi, uno dei maggiori esperti di letteratura fantastica in Italia (qui si può leggere una sua retrospettiva sul suo blog Weirdletter). Completano l’apparato critico due saggi di China Miéville (“Guardando i treni che passano”) e di Maria Vittoria Ghirardi (“Stefan Grabinki. Il demone della velocità”).
“Il villaggio nero” presenta i seguenti racconti: “Il demone del movimento”, “L’engramma di Szatera”, “La stanza grigia”, “Saturnin Sektor”, “L’Area”, “Il villaggio nero”, “Lo sguardo”, “L’amante di Szamota”, “A casa di Sara”, “Il bianco lemure”, “La storia del becchino”, “La vendetta degli elementi”.
Il volume si può acquistare direttamente nel negozio online di Hypnos o presso il Delostore (Cesare Buttaboni: 17 dicembre 2012)



POTREBBE INTERESSARTI

» Tutte le notizie

RUBRICHE: Pennywise | Audiolibri | Halloween | Videogiochi | Dracula | ebook | Interviste | Guida alla scrittura | Necrolexicon | TV Horror | Letters from R'lyeh | Isola di Scheletri | Signora delle Mosche | Scream Queen | Zio Tiba | Concorsi | Segnalibri | arte | partner | Zombette