Dario che flop!

«Alle prese con la nuova tecnologia 3D, mio padre sembrava come un bambino con un nuovo giocattolo!». Queste le parole della figliol prodiga Asia nel descrivere papy Argento intento a dirigerla sul set del suo ultimo film: Dracula 3D. E noi siamo tanto contenti che papino, almeno lui, si sia divertito nel girare questa pellicola, perché il maestro dell’horror all’italiana ormai non spaventa più. Finiti i tempi d’oro di Profondo rosso e Suspiria, Dario non fa che deludere i suoi fan sempre più scoraggiati. All’ultimo festival di Cannes non solo ha strappato pochissimi applausi, ma c’è stato perfino qualcuno che ha azzardato risatine di scherno durante la proiezione del film.
Le intenzioni erano buone effettivamente, ripristinare la vecchia figura del vampiro feroce e sanguinario in barba ai succhiasangue del ventunesimo secolo tutti sensi di colpa, animo tormentato e bagliori diffusi. Qualcosa però deve essere andato storto, gli effetti speciali ad esempio sono stati ritenuti esilaranti da alcuni giornalisti il che non è un bene, Dracula subiva tante di quelle trasformazioni (gufo, sciame di mosche, lupo, demone) che non si capiva neppure più se fosse proprio il Principe delle Tenebre o un comune saltimbanco di un circo in decadenza.

Asia, ça va sans dir, s’incallisce a fare la parte della preda sessuale tutta smorfie e nudità, e vabbè... contenta lei. Noi aspettiamo con trepidazione il prossimo film del signor Argento, con la folle speranza di uscire dalla sala cinematografica turbati e angosciati come ai bei vecchi tempi (Eleonora Della Gatta: 22 maggio 2012)



POTREBBE INTERESSARTI

» Tutte le notizie

RUBRICHE: arte | Audiolibri | Cinema | Concorsi | Dracula | ebook | Guida alla scrittura | Halloween | Interviste | Isola di Scheletri | Letters from R'lyeh | libri | Necrolexicon | Notizie | partner | Pennywise | Racconti | Scream Queen | Segnalibri | Signora delle Mosche | Teschio d'oro | TV Horror | Videogiochi | Zio Tiba | Zombette