Guida alla scrittura

Formattazione del testo!

Regole fondamentali di formattazione del testo e di uniformità tipografica richieste per la pubblicazione del tuo racconto su Scheletri.com. Se non saranno rispettate il racconto verrà immediatamente cestinato.
• Se usate Microsoft Word salvate sempre i vostri file nel formato .RTF.
• L’allineamento del testo deve essere "giustificato" e gli "a capo" devono essere usati solo in caso di reale nuovo paragrafo (punto e a capo) o per formare un elenco.
• Rientri del testo, posizionamenti particolari o incolonnamenti non devono essere fatti usando la barra spaziatrice della tastiera: usate il tabulatore sul righello in alto.
• Non usate il tasto "blocca maiuscole" per le parole scritte interamente in maiuscolo.

• Per i discorsi diretti usate il trattino a inizio dialogo, mai in chiusura (per esempio: - Ciao come stai e non: - Ciao come stai -). Se c’è un’interpunzione, chiudete e aprite con i trattini (per esempio: - Non andare via - disse Marco - ti prego.)
Non inserite mai la virgola prima o dopo il trattino di separazione o di dialogo (... disse Marco, - ti prego; ... disse Marco -, ti prego)
Il trattino è già una sospensione, la virgola, quindi, non è necessaria (disse Marco - ti prego).
• Tra le parole non devono mai esserci doppi spazi vuoti.
• La punteggiatura deve andare sempre attaccata alla parola che la precede e sempre staccata da quella che segue.
• Se inserite del testo tra parentesi o virgolette, non devono esserci spazi vuoti tra le parentesi o le virgolette e il testo che racchiudono.
• Non inserite spazi vuoti prima e/o dopo gli apostrofi (eccetto anni ’80, nel ’90, un po’ ecc.).
• Quando ci sono delle parentesi, non bisogna inserire punteggiatura che le precede.
• I puntini di sospensione devono essere sempre tre, attaccati al testo che precede e staccati da quello che segue (per esempio: ciao... come va?).
• Eliminate la doppia o tripla punteggiatura, soprattutto con punti esclamativi e di domanda (per esempio: “bellissimo!” non “bellissimo!!”)
• I numeri romani vanno scritti sempre senza la desinenza “°” (per esempio: IX, X e non IV°, X°).
• In un testo discorsivo evitate il più possibile le abbreviazioni, cambiare “ad es.” in “per esempio”, “sec.” in “secolo”.
• Le ore vanno indicate sempre con la virgola: 15,45 e non 15 e 45 e neanche 15.45
• Non inserire spazi all’interno delle sigle. Es. F.D.A. non F. D. A., H.G. Wells non H. G. Wells.
• Tutti i titoli, inclusi i titoli di racconti, articoli, riviste, collane librarie, vanno sempre in corsivo, senza virgolette.
• Le parole straniere che non sono entrate nell’uso comune hanno regole precise: vanno scritte in corsivo (a meno che non siano tra virgolette o inserite in lunghi testi); vanno sempre al singolare (esempio: film e non films)
• Non utilizzate mai il grassetto.
[Writersmagazine.it]

CONTEGGIO PAROLE

Il testo non deve superare le 2.000 parole, per contarle è sufficiente utilizzare la specifica funzione di Word (strumenti/conteggio parole).
Tale funzione considera 1 parola qualsiasi elemento del testo che sia seguito e preceduto da uno spazio. Per eseguire un conteggio esatto è pertanto necessario impostare correttamente il racconto seguendo alcune semplici regole: la punteggiatura e i punti di sospensione devono essere attaccati alla fine della parola e mai all'inizio. L'apostrofo deve essere attaccato sia alla parola che segue che a quella che precede.
(esempio corretto, 16 parole)
E adesso, pianeta per pianeta, bisognava combattere, coi denti e con le unghie. Era bagnato fradicio...
(esempio sbagliato, 13 parole)
E adesso,pianeta per pianeta ,bisognava combattere,coi denti e con le unghie.Era bagnato fradicio...



POTREBBE INTERESSARTI

» Tutte le notizie

RUBRICHE: Pennywise | Audiolibri | Halloween | Videogiochi | Dracula | ebook | Interviste | Guida alla scrittura | Necrolexicon | TV Horror | Letters from R'lyeh | Isola di Scheletri | Signora delle Mosche | Scream Queen | Zio Tiba | Concorsi | Segnalibri | arte | partner | Zombette