Concorsi horror

10^ EDIZIONE 2017

Concorso di poesia horror.

1) TU NON SAI - Lodovico Ferrari (7,7)

Tu non sai
quanto può essere freddo
il marmo di una lapide.
Tu non sai
quanto sia oscuro
il buio dentro una bara.
Tu non sai
quanta angoscia alberghi
nella solitudine di un cimitero.
tu non sai
quanta sia la tristezza
nel sentire qualcuno che ti piange.
Tu non sai,
no, non lo sai,
non lo sai ancora.

2) STALKING (DEUTERONOMIO 22:28-29) - Luigi Brasili (7,3)

Eccola, colei che brami
figlia, vergine, bambina,
stirpe di Eva che porta rovina.

È tua, prendila adesso,
della terra è frutto succoso,
del recinto la prima bestia.

Sarà tua schiava, tua soltanto
ma porgi al padre l'argento,
cinquanta sicli, sarà contento.

Ora feriscila senza timore,
non porre freni al tuo cieco ardore.
E dopo, uccidila pure.

3) AZZURRINA - Luigi Brasili (7)

Tra i muri del grigio castello
sola giocavi lassù a Montebello
lontano dal cieco ignorante
che dèmoni vede in chi è differente

Albine le trecce, d’azzurro dipinte
palla di stracci tiravi innocente

Ma cadde la pioggia una sera d’estate
e cadde la treccia seguendo la palla
E ora al solstizio, Adelina la bella
appari nel buio accanto alle fate

4) DELIRANTI IMMAGINI - Anna Rita Furcas (6)

Il demone mi parla
tra i veleni contorti di un sonno agitato.
Mi maledice
con parole di sangue
incomprensibili
ma fetide e profonde
come un sepolcro.
Le orrende cavità dei neri occhi
mi spiano e avanzo a fatica
tra l'orrore denso, umido e tetro.
Vorrei destarmi ma non riesco.

Deliranti immagini eterne di un morto
che crede di sognare.

4) OSCURE PRESENZE - Anita Pallarino (6)

C’è qualcosa che vive in me
Qualcosa di macabro
Che si ciba delle mie paure
Lo sento parlare
Dice che mi vuole,
E se arriverà in fondo al cuore
Non mi lascerà
E mi ucciderà

Si avvicina
Mi raggiunge
Non riesco a muovermi
Non posso sfuggirgli
Ora è qui e mai mi lascerà
Son sua ormai
E non posso liberarmene mai

6) DOLCI INCUBI - Anita Pallarino (5,7)

Pensi che sognare sia bello
Ma non è così
Perché lui è lì
E ti aspetta
È lì che ti osserva
È lì che ti vuole
È lì che farà scorrere,
Goccia dopo goccia,
Il tuo nobil sangue
È lì che troverai la tua tomba
È lì che ti aspetta
Con i suoi artigli insanguinati
E aspetta
Aspetta te
Aspetta che tu vada da lui
Solo per metter fine
Alla tua inutil vita

6) L'INFERNO DI TORQUEMADA - Luigi Brasili (5,7)

Cuore intriso d’oscuro pattume
godevi dell’altrui dolore,
ardevi braci sulle pelli mute.

Maschera priva d’espressione
ricolma di vuoto beffardo,
le mani unte di tossico umore,
cercavi anime dannate,
trovavi solo l’umano splendore.

E l’anima tua non può sbiadire
come quelle che inondavi di nero,
puoi solo fuggerne lo sguardo, ch’è fiero.

8) ORGIA NOTTURNA - Anna Rita Furcas (5)

Ogni sera sprofondo
nell'orgia notturna degli incubi,
spirale dell'anima
che tortuta sé stessa.
Una vorticosa pioggia
di schegge di vetro e desideri
abominevoli
si incarnano nel cuore
come fantasmi.
Fendo il buio in cerca del volto
che mi perseguita:
sconosciuto
scialbo
smorto come un cadavere
da lungo tempo sepolto.

9) LA MORTE - Anna Rita Furcas (4,7)

La morte mi avvolge
con il suo pestilenziale respiro
si alzano le nebbie dell'oblio
tra sussurri turbati e sconosciuti.
Fluttuo tra luci e ombre
in un urlo di terrore e angoscia.
Mi accingo verso la tomba.
Sono lo spettro di me stesso.
L'essenza della mia vita mentale vive
in un corpo avvolto in un sudario.



POTREBBE INTERESSARTI

» Tutte le notizie

RUBRICHE: arte | Audiolibri | Cinema | Concorsi | Dracula | ebook | Guida alla scrittura | Halloween | Interviste | Isola di Scheletri | Letters from R'lyeh | libri | Necrolexicon | Notizie | partner | Pennywise | Racconti | Scream Queen | Segnalibri | Signora delle Mosche | Teschio d'oro | TV Horror | Videogiochi | Zio Tibia